Valutazioni psicodiagnostiche e ricerca

Trasformare la conoscenza in un motore di crescita sostenibile per dare forma al futuro

La valutazione psicodiagnostica non si riduce all'ambito clinico ma trova applicazione in svariati campi: neuropsicologico giuridico-forense, scolastico e lavorativo 

Con psicodiagnostica intendo riferirmi alla disciplina che ha come scopo la valutazione diagnostica in termini psicologici e psicopatologici, utilizzando una vasta gamma di strumenti self-report, interviste semi-strutturate, batterie testiche psicologiche, inventari di personalità e anche tecniche di osservazione. 

A seconda dello scopo, dell’ambito di indagine e dei soggetti target della valutazione psicodiagnostica, si definirà l’utillizzo di strumenti, tecniche e procedure specifiche e differenziate.

In ambito clinico, la psicodiagnostica rappresenta lo step fondamentale per prendere decisioni strategiche fondamentali per l’efficacia del trattamento del paziente. 

In ambito giuridico-forense, la valutazione psicologica si effettua a scopo legale, peritale o assicurativo (perizie civilistiche o penali, valutazioni del danno esistenziale, valutazione delle capacità cognitive, valutazioni di idoneità per le adozioni e gli affidamenti, etc.).

Un altro ambito della psicodiagnostica è l’ambito della psicologia del lavoro e delle organizzazioni, in particolare in riferimento alla selezione del personale e alla valutazione delle competenze dell’individuo. 

La psicologia del lavoro rappresenta una delle prime branche della psicologia in cui sono stati sviluppati e applicati strumenti di assessment. 

In tali contesti vengono utilizzati specifici strumenti psicodiagnostici quali questionari, scale di misurazione self-report, test di livello, colloqui individuali e colloqui di gruppo; tra gli strumenti di valutazione delle competenze si riscontrano forme di assessment basate su role-playing, simulazione in-basket o su scenari realistici, e di dinamiche di gruppo. 

Il termine Assessment Center spesso utilizzato in tale ambito psicodiagnostico fa riferimento a una metodologia di valutazione del potenziale, caratterizzata da diversi test situazionali che richiedono alla persona di eseguire uno o più compiti che si propongono di misurare variabili psicologico-comportamentali allo scopo della valutazione del potenziale, delle competenze e delle attitudini dei soggetti in un dato contesto organizzativo.

Per Ricerca, intendo la promozione di esplorazioni su questioni emergenti che richiedono nuove e più articolate conoscenze e prospettive, realizzabili mediante cooperazioni conoscitive tra attori organizzativi e ricercatori esterni.

In un mondo sovraccarico di dati, spesso parziali o usati in maniera impropria, saper intercettare i giusti segnali, distinguendoli dal rumore di fondo, diventa un fattore chiave per il successo. Grazie alla mia rete di partnerships ed alla mia attenzione al dettaglio, e la mia esperienza  sono in grado di offrire analisi all’avanguardia: non solo dati descrittivi, ma anche indicazioni facilmente applicabili al proprio business, per aiutare i miei clienti a incrementare le vendite e aumentare l’efficacia del marketing e della gestione aziendale.